Prenota voli economici e a basso costo per volare risparmiando.
Il motore di ricerca ti offre le migliori offerte di voli low cost per tutte le destinazioni italiane ed estere.


Rimborso del biglietto aereo

Quando viaggi in aereo i tuoi diritti sono tutelati dal Regolamento CE 261/2004, la Carta dei diritti del passeggero. Questo regolamento ti tutela in caso di disservizi e tiene conto delle disposizioni sull’assistenza ai passeggeri a mobilità ridotta, i regolamenti di sicurezza sui liquidi a bordo e l’istituzione della black list delle compagnie aeree a cui è vietato operare nell’Unione Europea.

In questo articolo vedremo in particolare cosa ti spetta in caso di ritardi prolungati, cancellazioni del volo e negati imbarchi, e come presentare un reclamo per ottenerlo.

La Carta dei diritti del passeggero

La Carta dei diritti del passeggero è un documento redatto dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), l’Organismo responsabile in Italia del controllo, della verifica e delle certificaazioni nel settore dell’aviazione civile. Entrato in vigore il 17 febbraio 2005, questo regolamento si applica a:

  • Voli di linea, charter o low cost in partenza da un aeroporto comunitario, comprese Norvegia, Islanda e Svizzera;
  • Voli di linea, charter o low cost operati da compagnie aeree intracomunitarie con arrivo in un aeroporto di uno Stato membro, comprese Norvegia, Islanda e Svizzera.

In caso di negato imbarco, cancellazione o ritardo del volo, ogni passeggero ha diritto all’assistenza, al rimborso del biglietto e a una compensazione pecuniaria (nel rispetto dei criteri illustrati di seguito).

L’ammontare di tale compensazione viene stabilito in base ad alcuni fattori che spiegheremo più avanti. Le compagnie aeree sono quindi tenute a sottostare agli obblighi previsti dal Regolamento 261/2004, a meno che i disservizi non siano causati da quelle che la Carta stessa definisce circostanze eccezionali. Vediamo subito quali sono.

Le circostanze eccezionali che non ti danno diritto alla compensazione

Maltempo, scioperi aeroportuali, situazioni di instabilità politica pericolose per la tua sicurezza: queste sono le tre principali condizioni eccezionali che non ti dà diritto a una compensazione pecuniaria. Si classificano come circostanze eccezionali, quindi, quelle situazioni sulle quali una compagnia aerea non ha potere o di cui non può essere ritenuta responsabile.
Nel caso di ritardo o cancellazione del tuo volo per una di queste cause, non avrai diritto a un risarcimento, ma hai sempre diritto a ricevere assistenza e a richiedere il rimborso del biglietto o un volo alternativo.

Negato imbarco per overbooking

Le compagnie aeree, soprattutto quelle low cost, utilizzano la tecnica dell’overbooking per massimizzare i guadagni. Con questa tecnica, definita in italiano “sovraprenotazione”, un vettore aereo vende più biglietti dei posti effettivamente disponibili sull’aeromobile. Capita a chiunque di perdere un volo o vedersi costretti a rinunciarvi dopo aver acquistato il biglietto, le compagnie aree ne sono consapevoli più di tutti e mettono in vendita biglietti extra così da aumentare i guadagni possibili per ogni singola tratta.

Quando però i passeggeri dotati di un biglietto di viaggio valido eccedono la disponibilità del velivolo, alcuni di loro incorrono nel negato imbarco: la compagnia aerea non può permettergli di viaggiare. In casi del genere il passeggero a cui è stato negato l’ingresso a bordo deve ricevere l’adeguata assistenza (di cui spieghiamo i dettagli più in basso), il rimborso del volo o un volo alternativo e una compensazione pecuniaria. In casi del genere il passeggero a cui è stato negato l’ingresso a bordo deve ricevere l’adeguata assistenza (di cui spieghiamo i dettagli più in basso), il rimborso del volo o un volo alternativo e una compensazione pecuniaria. Se il passeggero rinuncia volontariamente al volo, ha diritto al rimborso e può concordare sul momento dei benefici con la compagnia stessa, ma non alla compensazione. Se invece è costretto a rinunciare al volo, oltre al rimborso o a un volo alternativo deve essere ricompensato per il danno subito.

Il risarcimento che gli spetta è pari a:

  1. 250 € per tutte le tratte entro i 1500 km;
  2. 400 € per tutte le tratte superiori a 1500 km e comprese nei 3500 km;
  3. 600€  per le tratte aeree che non rientrano nei casi 1 o 2.

La compagnia può ridurre l’ammontare della compensazione del 50% nel caso in cui al passeggero venga offerta la possibilità di viaggiare su un volo alternativo il cui orario di arrivo non superi rispetto al volo originariamente prenotato, rispettivamente alle distanze di cui sopra, 2, 3 e 4 ore.

Risarcimento economico quando deve rinunciare a un volo prenotato
Risarcimento nel caso in cui il passeggero è costretto a rinunciare al volo.

Volo cancellato

Se il tuo volo viene cancellato hai diritto all’assistenza, al rimborso, o a un volo alternativo, e a una compensazione pecuniaria. I criteri che stabiliscono l’entità della somma sono gli stessi dei casi di negato imbarco. Questo risarcimento, però, non è sempre dovuto. Oltre ai casi di circostanze eccezionali, la compagnia è esentata dal risarcire un passeggero se lo ha informato della cancellazione del volo secondo le seguenti tempistiche:

  • con due settimane di preavviso dalla data di partenza;
  • nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima della data di partenza e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di due ore prima rispetto all’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo quattro ore dopo l’orario originariamente previsto;
  • meno di sette giorni prima e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di un’ora prima dell’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo due ore dopo l’orario originariamente previsto.

Volo in ritardo prolungato

Se il tuo volo subisce un ritardo dalle 3 ore in su puoi richiedere una compensazione pecuniaria, il cui valore è determinato dagli stessi criteri descritti per i casi di negato imbarco e cancellazione del volo.

Se il ritardo supera le 5 ore puoi anche rinunciare al volo e richiedere al vettore aereo l’importo speso per acquistare il biglietto. Fai sempre attenzione a non confondere il rimborso con la compensazione: sono due cose molto diverse e in caso di disservizi causati dal vettore emittente del biglietto puoi avere diritto a entrambi.

Assistenza passeggeri in aeroporto

In ogni caso, si tratti di ritardi, cancellazioni, o negati imbarchi in qualità di passeggero hai innanzitutto diritto all’assistenza. La compagnia aerea, di linea o low cost che sia, deve provvedere a:

  1. pasti e bevande;
  2. la possibilità di effettuare due telefonate, di inviare email o fax;
  3. una sistemazione in albergo se l’attesa è di una o più notti (e il trasporto dall’aeroporto).

E questo vale in ogni caso, anche in quelli che rientrano nelle circostanze eccezionali.

Diritto all’informazione

Un passeggero ha il diritto all’informazione. Quando acquista un biglietto aereo, in qualsiasi situazione si trovi, il passeggero deve essere informato dalla compagnia aerea dei suoi diritti. Al giorno d’oggi, invece, c’è davvero poca conoscenza della Carta dei diritti del passeggero e i vettori non si dimostrano molto predisposti nei confronti dei passeggeri nel metterli a conoscenza delle pratiche che abbiamo appena descritto. Perciò ottenere un risarcimento in caso di disservizi di volo non è semplice.

Come ottenere il rimborso: Volo-in-Ritardo.it

In caso tu sia vittima di un disservizio occorso secondo le circostanze illustrate puoi presentare un reclamo per far valere i tuoi diritti. Farlo da solo non è semplice, le compagnie aeree sanno come svincolarsi da certi obblighi e possono trascinare i tempi per le lunghe per non darti il tuo rimborso.

Grazie al servizio offerto dal sito Volo-in-Ritardo.it i passeggeri possono ricevere assistenza legale e aiuto ad ottenere ciò spetta loro in caso di voli in ritardo, cancellazioni o negati imbarchi. Con 8 anni d’esperienza alle spalle, Volo-in-Ritardo.it ha già provveduto a far ottenere la compensazione pecuniaria dovuta a più di 500.000 passeggeri, con un tasso di successo del 98%. Grazie a un team di esperti nel settore dell’aviazione e ad avvocati internazionali, Volo-in-Ritardo.it non viene scoraggiata dalla poca collaborazione che molte compagnie aeree dimostrano e combatte accanto ai passeggeri per far rispettare i loro diritti. Inoltre opera sotto la regola nessuna vincita nessun costo: il passeggero non corre alcun rischio nel presentare un reclamo tramite loro e solo in caso di successo dovrà pagare per i servizi di cui ha usufruito una percentuale della somma ricevuta.

Il tuo diritto a reclamare contro la compagnia aerea ha una valenza di due anni dal giorno del disservizio, verifica gratuitamente in pochi e semplici passi se hai diritto ad un risarcimento, solo dopo potrai decidere se a senso iniziare una procedura di reclamo ed affidarti ad un team di esperti.